Carmelina CaraccioDi / Pubblicato 1 anno fa in Aumenta il tuo business, Social Media Marketing.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmail

 

chat_bot-01

 

L’intelligenza artificiale si fa largo come punto di raccordo tra chi offre servizi e le esigenze degli utenti. I chatbot possono definirsi veri e propri assistenti virtuali online utili per parlare con i clienti in tutte le lingue, adattarsi al loro “stile” e alle loro richieste, e analizzare al meglio i feedback dei clienti.

Cos’è un ChatBot?

Un Chatbot è un programma con il quale si può interagire e discutere solitamente tramite un servizio di messaggistica e chat.

Tecnicamente è un programma in grado di interagire con gli esseri umani attraverso un sistema di messaggistica

Come funzionano i Chatbot?

Ci sono due modelli di chatbot che vengono creati in maniera sostanzialmente diversa. Di fatto un chatbot può essere costruito tramite un algoritmo che dà una serie di regole oppure può essere costruito con l’intelligenza artificiale.

Ciò che differenzia i due modelli in maniera sostanziale è che uno è limitato, può rispondere solo a comandi specifici ed è intelligente quanto la sua programmazione, l’altro invece riesce a capire il linguaggio naturale dell’utente e acquista intelligenza man mano che “conversa” con gli utenti.

Perché un chatbot?

Le persone usano le app di messenger più di quanto non usino i social network.
Il tuo business deve essere dove sono le persone e le persone sono in chat. È un’opportunità di business immensa soprattutto perché ancora c’è poca concorrenza.

Man mano che il fenomeno delle chatbot sta dispiegando le proprie potenzialità, emergono sul mercato le piattaforme online che consentono ai singoli, aziende o anche privati, di “creare” la propria chatbot e inserirla su un sito web, magari per dare un valore aggiunto ai propri servizi di customer care, anche utilizzando strumenti già ampiamente diffusi come Messenger o Whatsapp. Si tratta di strumenti spesso molto semplificati rispetto a veri e propri assistenti virtuali, fino ad arrivare a semplici pop up per interagire con gli utenti. Una strategia oggi già ampiamente usata dai brand per avvicinare i propri potenziali clienti, interagire con loro e tentare di fidelizzarli.

Le regole base per avere successo con le chatbot

Tra i consigli che iniziano a farsi largo sul mercato per chi voglia utilizzare chatbot emergono alcuni punti irrinunciabili per avere successo e non sprecare energie. Al primo posto c’è l’individuazione del target, sapere cioè dall’inizio a chi ci si vuole rivolgere. Questo è fondamentale per determinare che linguaggio utilizzare nelle risposte, che tipo di domande attendersi, con che “stile” impostare l’interazione con gli utenti. Allo stesso modo sarà determinante individuare il canale da utilizzare, perché ad ognuno di essi corrisponde un linguaggio specifico, che si tratti di social media, del proprio sito o dei servizi di messaggistica istantanea. Inoltre la chatbot dovrà essere “pensata”  per un compito principale, e quindi puntare direttamente a un obiettivo principale, interagendo con i consumatori in modalità “personalizzata” per i gusti e le esigenze dei clienti. Infine, per migliorare progressivamente il servizio anche dopo la fase di test, implementando magari nuove funzionalità, sarà necessario misurarne i risultati in tempo reale, correggendo via via gli eventuali “deficit” che emergeranno nel tempo.

Cosa puoi fare con il bot per il tuo business?

  • Customer care
  • Offrire qualcosa in più
  • Vendere

Customer Care

Quando l’utente ha bisogno di aiuto il chatbot può essere il primo step. Il customer service con chatbot è già una realtà per molti. Il chatbot può aiutare l’utente a cercare la soluzione ai suoi problemi.
Al momento un chatbot non può ancora sostituire l’assistenza fatta dalle persone, ma può sicuramente alleggerire il carico di lavoro del team di assistenza e fare uno screening preventivo in modo che il customer care “umano” abbia già una chiara idea del problema del cliente.

Offrire qualcosa in più

Perché un’azienda che vende stracchino sulla sua pagina Facebook delle ricette condivide la ricetta dei Muffin dolci? Perché la società che si occupa di abbigliamento mette in palio una collana in un contest?
In sostanza stai offrendo qualcosa in più al tuo target.
L’azienda che fa lo stracchino, condivide la ricetta perché sa che è ciò che può interessare al suo pubblico. La collana è un accessorio, un complemento dei vestiti.

Il bot, in questo senso, può essere quel qualcosa in più. Faccio un esempio. Vendi vino? Il tuo bot potrebbe dire al tuo cliente come abbinare vino e piatti per esempio.

Vendere

Sì, con i bot si può vendere.

La forza dei bot è proprio la loro comodità d’uso.
Vendere con i bot significa ricreare l’esperienza del negozio, rendendola ancora più facile.

Usare un chatbot per la vendita di prodotti può portare ad un aumento di acquisti di impulso, ma anche può funzionare per confronto prezzi con concorrenti in negozio.

Scopri come il nostro programma fedeltà può far crescere il tuo business