Carmelina CaraccioDi / Pubblicato 9 mesi fa in Aumenta il tuo business.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmail

tone-voice

L’esplosione dei media interattivi, lo sviluppo del mercato della conversazione e la nascita di un consumatore informato e spesso diffidente nei confronti di prodotti e servizi, comportano per aziende e brand l’obbligo di ricercare una comunicazione originale e in grado di colpire, emozionare, convincere.

Che cos’è il Tone of voice di un’azienda e perché è importante

Lo potremmo definire lo stile, la personalità, il modo di porsi con i propri interlocutori. Esattamente come accade per le persone, le aziende si riconoscono per il modo in cui si esprimono, per le parole utilizzate e per il modo in cui affrontano gli argomenti di loro pertinenza.

Nel caso specifico di un’azienda o brand, il tone of voice è quel complesso di azioni che servono a declinare un contenuto, donando forma e cornice ai messaggi pubblicati sui diversi mezzi di comunicazione.

Potremmo definirlo come stile, spontaneità, originalità e capacità di tenersi lontani da formule e stilemi tipici del linguaggio aziendale.

Ma non solo: utilizzare un corretto tono di voce significa trovare, attraverso un processo di studio e analisi, quel trait d’union che dona armonia alla comunicazione e fa percepire l’azienda stessa come una realtà vicina, con la quale si può comunicare senza troppe barriere e che riesce a parlare in modo da distinguersi dai competitor o da altre realtà che presidiano lo stesso mercato.

Tone Of Voice: perché non puoi trascurarlo

Vuoi distinguerti? Vuoi comunicare i valori del tuo prodotto? Vuoi costruire un rapporto di fiducia con i tuoi clienti? Il tono di voce ti aiuta a raggiungere tutti questi obbiettivi.

1. Dietro il marchio? Ci sono persone e valori

Sei un’azienda e produci un bene/servizio. Perfetto. Ma, sei convinto anche tu che c’è qualcosa di più di questo, vero?

Il tone of voice è ciò che ti permette di condividere un set di speranze, valori, progetti e passioni con il resto del mondo.

2. Riuscire a distinguersi dalla massa

Il tono di voce di un brand dovrebbe essere unico e riconoscibile. Pensa a te e a cosa ti distingue da un’altra persona:

  • usi un tuo dizionario, fatto di parole dialettali, di posti in cui hai vissuto, di persone che hai frequentato
  • parli velocemente, lentamente, fai lunghe pause, gesticoli
  • hai un tono di voce alto, basso, irregolare

Il tone of voice di un brand, grazie all’uso sapiente della lingua, rende unico e riconoscibile il modo di esprimersi della tua azienda. Insomma, anche la tua comunicazione diventa un marchio di fabbrica.

3. Guadagnare fiducia ed autorevolezza

Familiarità e fiducia sono due aspetti fortemente legati.

Pensaci bene: comprendiamo subito ciò che ci è più famigliare, mentre razionalizziamo tutto ciò che reputiamo più alieno, strano, difficile.

Per questo è importante parlare la lingua dei tuoi lettori, avere il loro stesso tono di voce: se parlerai in modo a loro famigliare conquisterai la loro fiducia.

5 parole chiave per un Tone of voice efficace

In linea generale, le direttive riguardanti l’utilizzo del corretto tone of voice da parte di un’azienda, devono rifarsi ad alcuni principi base.

Onestà – scrivere come si parla, senza mai nascondere la verità dietro formule complicate o registri troppo formali. Allo stesso tempo, non scadere in colloquialismi eccessivi o, peggio, mancare implicitamente di rispetto. Consumatore e utenti non sono i tuoi “amiconi”: evita pertanto un linguaggio eccessivamente amichevole

Passione – le parole devono coinvolgere, altrimenti saranno parole vuote. Coinvolgere significa trasmettere passione ma, in ogni momento, sapersi mettere nei panni dell’interlocutore e, quindi, evitare paternalismi.

Reciprocità – i testi devono essere calibrati. In ogni momento l’azienda deve aver chiaro a chi si sta rivolgendo e quali sono i bisogni espressi o inespressi del destinatario di un certo messaggio.

Personalità – le parole che usiamo sono lo specchio di chi siamo. Vale anche per le aziende, che devono conversare, parlare in positivo, informare e solo in un secondo momento, convincere, anche e soprattutto grazie alla bontà dei propri contenuti.

Comprensione – bisogna semplificare il linguaggio per permettere a tutti di capirci. Allo stesso tempo sarebbe il caso di non impoverirlo o stravolgerlo. Comprensione significa inoltre saper riconoscere che la bontà di un discorso non dipende dal volume con cui viene pronunciato. In questo caso, comprensione diventa sinonimo di rispetto. E il rispetto paga. Sempre.

Scopri come il nostro programma fedeltà può far crescere il tuo business